apple apple devices blur cellphone
Vita Vissuta

Cambiare senza cambiare

Come vi posso raccontare che ho cambiato lavoro, e nello stesso tempo senza cambiare lavoro?!
Credo che sia il modo più strambo di fare questo cambio di vita senza di fatto cambiarla.
Da dove posso iniziare? Sarebbe una storia lunga e noiosa; non voglio di certo ammorbarvi con inutili dettagli. Partiamo da una esigenza che si era delineata negli ultimi due anni.
Come sapete io sono un freelance, o come si dice nella nostra italica lingua, sono un libero professionista… quello che lavora in partita iva!

In famiglia non sono certo l’unico che è in questa situazione; per chi non lo sà, anche la mia consorte lavora come libera professionista. Lei, però, è un’affermata dottoressa commercialista. Almeno per me, perché se lo chiedete a lei scuoterebbe la testa in preda a una forte vergogna.
Sta di fatto, con l’arrivo del piccolo Matteo, molte delle scelte fatte negli ultimi 2 anni hanno dovuto avere un certa limatura se non proprio un totale cambio di rotta.
Come credo sappiate tutti, ai freelance certi bonus sono preclusi (mi chiedo ancora perché ma non siamo qui a fare della polemica gratuita) che sicuramente sul bilancio familiare hanno un loro certo peso, non risolvono la situazione del “mutuo dell’asilo” ma danno una mano.
Pertanto, circa un’annetto fa, dopo il consiglio di tribù, si è arrivati alla conclusione che data la mia particolare attività io potevo ritornare ad essere dipendente. Come si sente dire in una trasmissione televisiva nota: la mia avventura da freelance finisce qui.

baby sitting on man s shoulder
Photo by Maria Lindsey Content Creator on Pexels.com

Già sento vesti stracciate e urla senza senso… ok… ho esagerato. Sicuramanente avete il permesso di dirmi un pò di brutte parole con tutte le volte che nel podcast me la tiro con la parola freelance. Ah! Senza contare le menate del lavoro autonomo, da casa. Insomma, un marea di fregnacce?
Ehmm… no! No perché ho lavorato bene da freelance, certo, con alti e bassi ma ho lavorato come piaceva a me e molte volte ho fatto quello che mi appassionava.

Purtroppo si era venuta a creare una situazione lavorativa che non aveva più niente a che fare con la professione da freelance. Nonostante facessi fattura, sfoggiassi la p.iva, non facevo altro che elargire il mio servizio a quasi completa disposizione di un solo cliente, che ne determinava una mia “dipendenza” senza poi averne i benefici nè di uno nè dell’altro.

Una situazione abbastanza comune per chi fa il mio lavoro di disegnatore CAD nell’industria metalmeccanica; perché per chi fa il designer CAD o simile ha più spazio creativo, più possibilità di muoversi tra più commesse.
Forse, in parte, è colpa mia che non ho mai vermente “switchiato” mentalmente verso una situazione più imprenditoriale. Probabilmente avrei dovuto puntare ad aprire uno studio mio con collaboratori. Ma tra dire e il fare…

Gli inizi sono stati molto duri. Il mio campo è per lo più aziendale e qui non ho mai trovato la piena comprensione del fatto che sei un’uomo solo e non hai alle spalle altri che ti possono dare una mano, dato che sei agli inizi e il soldo manca, anzi ce ne devi mettere.
Dopo qualche mese e notti insonni, ho deciso che da solo non potevo farcela e quindi con qualche vecchio contatto sono finito a fare il consulente per uno studio tecnico (nel quale, tra l’altro ero già stato dipendente) che per me trovava il lavoro da fare e mi allegeriva della parte della ricerca di commesse.
E così passarono 6 anni. Gli anni anagrafici, anche. E questi si sono fatti pesanti sulle spalle e continuare a saltare da un lavoro all’altro ogni tre mesi con spostamenti auto abbastanza importanti, mi hanno convinto a cercare qualcosa di più “stabile”, passatemi il termine: ma che almeno rimanesse nell’hinterland milanese.
Sono approdato nell’azienda odierna e qui, negli ultmi 5 anni, ho trovato una certa quadratura; ho contribuito a creare un reparto (l’ufficio tecnico) e tutta la struttura organizzativa (PDM e codifica) che ancora oggi viene usata dai i miei colleghi.
Come tutti abbiamo passato dei momenti abbastanza stressanti in questi ultimi due anni. Ecco, io e mia moglie, invece, siamo stati salvati dall’arrivo di Matteo (nato in pieno lockdown) che ci ha distolto dalle brutture del lockdown prima e delle quarantene dopo.
Per me però era arrivato il momento di prendere la decisione e quindi con molta insistenza e forzando la mano (avevo paventato un passaggio ad azienda concorrente…) dato che erano mesi che si tergiversava sulla questione. E a febbraio (non so quando leggerete questa post) 2022 finalmente ho dismesso il grembiule da freelance e indossato la “tutina da dipendente”.


Io mi sento un po traditore… perchè? Credo che in parte mi piaceva far parte di quella schiera di persone che nonostante le fatiche da libero professionista poteva vantarsi di “farsi da solo” e poi perché per anni, prima del 2011, avevo smarronato l’esistenza agli amici sulla voglia di essere freelance. Ora invece quasi (ho detto quasi) sono contanteo di essere dipendente.
Ma come accennavo prima è una situazione voluta e pensata per trovare una certa stabilità economica alla famiglia, e lasciando una certa serenità “alla Rosi” che in questo modo è più libera di poter intraprendere certe scelte viste le molte possibilità per la sua professione, che siamo onesti è più renumerativa della mia.

E concludendo questto pippone esistenziale, vi chiedo un po di tolleranza nella possibilità, non cosi remota, di strafalcioni e una grammatica da prima elementare; ma sono un pò arruginito, come le mie dita.

“Lunga vita e prosperità” (cit.) 🖖


Scopri di più da fokewulf dot it

Subscribe to get the latest posts sent to your email.

Standard

One thought on “Cambiare senza cambiare

  1. Non ti devi sentire assolutamente in colpa per questo cambiamento, anzi … Portare la pagnotta a casa, specie di questi tempi in Italia non è un compito facile ed i sacrifici si fanno a tutti i livelli.

    Per esperienza di assicuro che ci si può fare il mazzo, e avvelenarsi al lavoro anche da dipendente. Anche da dipendente statale.
    L’impegno e la serietà che mettiamo nel nostro lavoro non è frutto dell’essere freelance, e non c’è niente di male nel volere un paracadute in più nella vita visto che l’età avanza e potenzialmente le rogne di salute sono sempre più facilmente dietro l’angolo e ora c’è Matteo.
    Lui “vince” su tutto … ti assicuro che il tempo vola anche se quando ci sei dentro certe giornate possono sembrarti infinite. E quindi ogni momento in più che saprai – saprete – ritagliarvi per e con lui sarà prezioso, e ciascuno di quelli persi sarà perso.

    Sii sereno, fai sempre del tuo meglio, continua a costruire come hai fatto prima da consulente e ora da interno e raccogli quel che viene. E ricorda sempre che tu non sei il tuo lavoro, e che le persone ti ricorderanno sempre per come le hai trattate e fatte sentire, non per quanti progetti hai portato a termine.

    Un abbraccione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *